office 365

Windows Azure – link utili e automation

Alcuni link utili per il servizio Azure di Microsoft:

Portale Microsoft Azure
Active Directory Microsoft Azure
Account Microsoft Windows Azure

Manuale in PDF per la gestione delle automazioni in ambiente Microsoft Winodws Azure

Microsoft_Press_eBook_Azure_Automation_PDF

 

Virus Cryptolocker – Ransomware – TeslaCrypt

Lo Studio AB Consulting Group SRLS con questo documento, vuole informare del rischio mondiale in corso, il più elevato numero di utenti possibili che operano quotidianamente con strumenti informatici. La minaccia a cui ci si sta riferendo ha il nome di “CryptoLocker” o “Ransomware”. Di seguito alcuni link di approfondimento:

https://it.wikipedia.org/wiki/CryptoLocker ,

https://it.wikipedia.org/wiki/Ransomware .

La modalità di attacco (sino ad ora misurata) di questo virus informatico è l’e-mail: vengono generate numerose e-mail con mittenze fasulle (ad es: Telecom, Agenzia delle Entrate, Ministero degli Interni, SDA, TNT e così via) con un allegato somigliante a un normale file .zip o file .pdf accompagnato da un nome circa “fattura”, “invoice”, “order number”, “conferma ordine”, “consegna”, “ritiro”. L’utente che riceve l’e-mail attraverso il proprio programma di posta elettronica (ad es: Windows Mail, Microsoft Outlook, Mozilla Thunderbird) apre (con un doppio click) l’allegato, e questo scatena (esegue) il programma malizioso virale. Il virus da quel doppio click svolge la sua attività distruttiva: in soli 10 secondi è in grado di criptare (rendere inutilizzabili) migliaia di files. I files che vengono attaccati sono tutti quelli presenti sul PC infettato e sulle cartelle di rete raggiungibili da quel PC sul server, danneggiando quindi tutti i documenti condivisi sul server. Questo produce un blocco esteso a tutta l’azienda (anche se il PC infetto è uno solo). Anche eliminando il virus dal PC infetto, i files rimangono illeggibili e inutilizzabili.

Tutti i sistemi informatici presentano vulnerabilità a questo tipo di virus. E’ ormai certo che questo virus verrà implementato nel tempo: produce un business agli hacker che diffondono e controllano queste chiavi di criptazione. Il virus propone sullo schermo del PC infettato un tariffa di ca. 3 bitcoin (ca. € 750,00 – € 1.000,00 , https://bitcoin.org/it/ , http://it.coinmill.com/BTC_EUR.html#BTC=3 ) come compenso per la soluzione. Questo tipo di virus è in grado di mutare velocemente e questo rende difficoltoso ai sistemi antivirus il processo di riconoscimento.

Attualmente non esiste “la contromisura” a questo sistema virale. Si può pensare di abbassare il rischio di contagio implementando strutture e servizi informatici che concorrono a evitare e risolvere incidenti distruttivi, nello specifico:

  • Formazione agli utenti nel riconoscere “fake e-mail”
  • Sistemi operativi di nuova generazione e aggiornati (Windows 7/8/10 Pro)
  • Posta elettronica affidata ai servizi Microsoft Exchange OnLine (Office 365)
  • Antivirus con servizi cloud (es: Symantec.cloud)
  • Scelta puntuale dei dati informatici da proteggere
  • Backup e monitoraggio quotidiano del backup aziendale (Acronis)

Questi 6 punti per la difesa da Cryptolocker rappresentano attualmente le uniche possibilità per rendere il rischio da contagio al minimo. Purtroppo la mutabilità della famiglia dei virus “Ransomware” non permette di sviluppare strategie e atteggiamenti definitivi e risolutivi. E’ certo che questo tipo di virus continuerà a essere implementato, perfezionato e distribuito sempre di più nel tempo.