Network

MAC OS – Time Machine over the ethernet, share on windows 7 / 8 / server 2008 / server 2012, samba sharing

 

Questo breve how-to per utilizzare il software di base Mac Time Machine per il backup del proprio MAC. Solitamente questo software prevede l’utilizzo di periferiche locali (thunderbolt, usb) oppue periferiche nominate Time Capsule. E’ possibile svolgere il backuo del proprio Mac su un’area condivisa di rete.

1- creare dalle “Utility Disco” una nuova immagine di capacità 100MB (indifferente ai fini del processo) di tipo “sparse” (vedi immagine sotto)


utilitydisco

 

conf_disco_immagine

 

 

2- accedere al terminale e digitare il comando per diventare utente root:

sudo su –

3- estendere ora l’immagine creata di 100MB dello spazio desiderato, ad esempio 250GB:

hdiutil resize -size 250g nbackup.sparseimage/

4- copiare col “Finder” il file verso la destinazione di rete

5- doppio click sull’immagine in area di condivisione (questo per caricare l’immagine nel Finder)

6- sempre da terminale con accesso root dichiarare al sistema che l’immagine è utilizzabile da Time Machine:

tmutil setdestination /Volumes/nbackup/

7- aprire Time Machine e dichiarare il nuovo disco come utilizzabile

 

CentOS, RedHAT Enterprise, dispositivi di rete gestiti da setup – configurazione di rete

Le distribuzioni CentOS e RedHAT Enterprise permettono la configurazione delle interfacce di rete attraverso il tool “setup”. Durante la clonazione in ambiente virtuale VMWare accade che il sistema di virtualizzazione associ alla macchina clonata un MAC Address diverso da quello sorgente (giustamente, i MAC address devono essere differenti).

Il sistema operativo Guest (CentOS / RedHAT) crea un nuovo dispositivo di rete; ad esempio da eth0 a eth1. Lanciando l’utility di configurazione “setup” rimane in lista il dispositivo eth0, non più presente. Per aggiornare la lista dispositivi in modo da ottenere una lista coerente ed aderente al nuovo hardware virtualizzato, serve accedere da utente root alla seguente directory e rimuovere le interfacce non più presenti:

cd /etc/sysconfig/networking/devices/
cd /etc/sysconfig/networking/profiles/default/

All’interno delle soprascritte directory è sufficiente eliminare attraverso il comando “rf” le interfacce inesistenti:

rm ifcfg-eth0

 

Teleassistenza remota per supporto CED – assistenza computer pc client e server

Lo Studio AB Consulting offre il servizio di teleassistenza remota teso a supportare le attività ordinarie e in MASSIMA URGENZA dei servizi CED. E’ possibile richiedere assistenza remota per riconfigurazione software, supporto agli utenti, formazione all’utilizzo corretto degli strumenti informatici, installazioni massive; alcune piattaforme di competenza sono ad esempio: client di posta elettronica e di posta elettronica certificata (outlook express, outlook, thunderbird, lotus notes), pacchetto di office automation (microsoft office, libre office, open office), firma digitale sui documenti, impostazione stampanti/FAX e multifunzioni, ottimizzazioni di utilizzo.

Il servizio propone anche gestioni di tipo ordinarie coordinate col CED aziendale interno: creazione account in active directory, creazione cassette di posta elettronica (ambienti Linux, Microsoft, IBM), sblocco di account, verifica delle attività di backup e consistenza dati.

Tutte i tempi relativi alle sessioni di assistenza remota vengono gestite in automatico dal sistema professionale Team Viewer.

Luca (Amministrazione): .. è come avere il consulente vicino a te quando serve ..

Alessio (CED): .. riesco ora a dedicare tempo ai progetti centrali e avere gli utenti soddisfatti dei tempi di risposta sui problemi quotidiani ..

Marco (Magazzino): .. documenti di trasporto non più bloccati e autotrasportatori più contenti ..

Matteo (Produzione): .. i centri di lavoro accedono regolarmente ai dati e ho migliorato i tempi di piazzamento macchina ..

 

Se sei interessato puoi compilare il form al seguente link http://www.andreabalboni.com/contatti/index.php e scegliere “incontro per conoscenza”.

 

Windows Server 2012 – Introducing – BETA

[DOWNLOAD]
WindowsServer2012

Chapter 1 The business need for Windows Server 2012 1
The rationale behind cloud computing . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
Making the transition 2
Cloud sourcing models 3
Cloud service models 4
Microsoft cloud facts 5
Technical requirements for successful cloud computing. . . . . . . . . . . . . . . . 6
Four ways Windows Server 2012 delivers value for cloud computing. . . 10
Foundation for building your private cloud 10
Highly available, easy-to-manage multi-server platform 12
Deploy web applications on-premises and in the cloud 13
Enabling the modern work style 14
Up next. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
Chapter 2 Foundation for building your private cloud 17
A complete virtualization platform. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
Hyper-V extensible switch 21
Network virtualization 31
Improved Live Migration 36
Enhanced quality of service 44
Resource metering 48

Increase scalability and performance. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
Expanded processor and memory support 50
Network adapter hardware acceleration 53
Offloaded Data Transfer (ODX) 56
Support for 4 KB sector disks 57
Dynamic Memory improvements 58
Virtual Fibre Channel 62
SMB 3 63
Improved VM import 67
VHDX disk format 68
Business continuity for virtualized workloads. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69
Hyper-V Replica 69
There’s more 77
Up next . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79
Chapter 3 Highly available, easy-to-manage
multi-server platform 81
Continuous availability. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .84
Failover Clustering enhancements 87
SMB Transparent Failover 113
Storage migration 113
Windows NIC Teaming 116
Chkdsk improvements 120
Easy conversion between installation options 121
Features On Demand 124
DHCP Server Failover 125
Cost efficiency . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .126
Storage Spaces 127
Thin Provisioning and Trim 134
Server for NFS data store 135
Management efficiency . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .136

The new Server Manager 137
Simplified Active Directory administration 143
PowerShell 3.0 147
Up next. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .153
Chapter 4 Deploy web applications on premises and
in the cloud 155
Scalable and elastic web platform. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .155
NUMA-aware scalability 156
Server Name Indication 159
Centralized SSL certificate support 162
IIS CPU throttling 168
Application Initialization 171
Dynamic IP Address Restrictions 172
FTP Logon Attempt Restrictions 176
Generating Windows PowerShell scripts using IIS
Configuration Editor 179
Support for open standards. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .182
WebSocket 183
Support for HTML 5 185
Up next. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .186
Chapter 5 Enabling the modern workstyle
187
Access virtually anywhere, from any device. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .187
Unified remote access 188
Simplified VDI deployment 200
User-Device Affinity 208
Enhanced BranchCache 209
Branch Office Direct Printing 210
Full Windows experience. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .211
RemoteFX enhancements 211
Enhanced USB redirection 213

User Profile Disks 214
Enhanced security and compliance. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 217
Dynamic Access Control 217
BitLocker enhancements 220
DNSSEC 222
Up next: RTM!. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .223
Index 225

 

 

 

CentOS – bonding interface ethernet, ethernet fault-tolerance, ethernet load balancing

Questa linea guida permette di gestire più interfacce di rete sullo stesso host al fine di permettere il load-balancing oppure un active fail-over sulle interfacce di rete.

Premessa.
Le possibile modalita’ di gestire le interfacce di rete sono le seguenti:

mode=0 (Balance Round Robin)
mode=1 (Active backup)
mode=2 (Balance XOR)
mode=3 (Broadcast)
mode=4 (802.3ad)
mode=5 (Balance TLB)
mode=6 (Balance ALB)

Configurazione.
aggiunta della scheda di rete bond
> nano /etc/modprobe.conf

alias bond0 bonding
options bond0 miimon=80 mode=1

creazione della interfaccia di rete bond:
> nano /etc/sysconfig/network-scripts/ifcfg-bond0

DEVICE=bond0
IPADDR=xxx.yyy.zzz.ttt
NETMASK=xxx.yyy.zzz.ttt
NETWORK=xxx.yyy.zzz.ttt
BROADCAST=xxx.yyy.zzz.ttt
GATEWAY=xxx.yyy.zzz.ttt
ONBOOT=yes
BOOTPROTO=none
USERCTL=no

modifica delle interfacce di rete fisiche:
> nano /etc/sysconfig/network-scripts/ifcfg-eth0

DEVICE=eth0
ONBOOT=yes
BOOTPROTO=none
USERCTL=no
MASTER=bond0
SLAVE=yes

> nano /etc/sysconfig/network-scripts/ifcfg-eth1

DEVICE=eth1
ONBOOT=yes
BOOTPROTO=none
USERCTL=no
MASTER=bond0
SLAVE=yes

Riavvio del servizio network
> /etc/init.d/network restart

Verifica dello stato delle interfacce
> cat /proc/net/bonding/bond0

Se desideri ricevere aiuto o consulenza invia una richiesta gratuita compilando la scheda contatti al seguente link http://www.andreabalboni.com/contatti/ . Per i sistemi Linux è attivo un corso specifico. Se sei interessato a un corso base per Linux puoi compilare il form al seguente link http://www.andreabalboni.com/contatti/index.php e scegliere “interessato a corso linux base”. Puoi consultare il programma relativo al corso base linux al seguente link programma corso base linux .

Corso Linux Centos BASE: amministrazione, gestione, manutenzione

Questa scheda formativa si pone l’obiettivo di offrire al partecipante le conoscenze e le praticità necessarie al fine di installare e manutentare il sistema operativo open source CentOS (Community Enterprise Operating System) in sicurezza. Durante il percorso formativo verranno illustrati i servizi principali di networking. Il corso sarà alternato da incontri di teoria e di esercitazioni pratiche.

Sizing del sistema operativo

Architettura 32bit / 64bit
Ambiente fisico / ambiente virtuale
Filesystem / journaling / inode / swap
Dimensionamento dello swap
Partizionamento LVM2
Strutture ridondanti RAID

Primi concetti

Nome host, dominio
Servizio dhcp client
Ip, netmask, gateway, dns client
Firewall locale (iptables)

Installazione del sistema operativo

Installazione CentOS virtualizzato su vmware player
Creazione RAID1 software con LVM2
Installazione tools del virtualizzatore
Aggiornamento sistema operativo

Descrizione della struttura CentOS e dei principali comandi bash

Struttura del filesystem
Permessi utenti e gruppi
Df, du, ls, alias, tar, nano, export, rsync, gunzip, gzip, yum, ps, kill, netstat, mkdir, rm, cp, mv, chmod, chown, rpm, top, fdisk, smartctl

Gestione delle pianificazioni

Crontab – schedulazione job
Prima applicazione di mantenimento orario

Elenco dei servizi e delle rispettive funzioni e porte di utilizzo

Apache, http, https
Sendmail , MTA, IMAP, IMAPs, POP3
Mysql
SSH

Servizio base e prime applicazioni

Attivazione del servizio ssh
Altri comandi bash: scp, iptables
Aggiunta disco usb esterno, mount del disco, backup di un’area, trasferimento da server a server
Aggiunta NAS di rete, mount della partizione, backup di un’area
Creazione di link
Crash test sul sistema raid1 software (mdadm, sfdisk)

Scalabilità sul filesystem – AVANZATO

Utilizzo del volumegroup
Estensione del filesystem a caldo
Creazione della snapshot del sistema > backup > rimozione snapshot

Monitor del sistema – AVANZATO

Installazione servizio Monit
Avviso di rottura disco per e-mail
Monitor dell’occupazione disco
Monitor dei servizi e alert via e-mail

Se sei interessato puoi compilare il form al seguente link http://www.andreabalboni.com/contatti/index.php e scegliere “interessato a corso linux base”.

VMWare ESXi 5.0: novita’

Novità di ESXi 5,0
Nella release 5.0 di VMware vSphere ha aggiunto diversi miglioramenti significativi per ESXi.

NEW Image Builder. Una nuova serie di utility a riga di comando consente agli amministratori di creare immagini personalizzate ESXi che includono componenti 3rd party necessari per l’hardware specializzati, come i driver e i provider CIM. Builder immagine può essere utilizzata per creare immagini adatte per diversi tipi di distribuzione, ad esempio basato su ISO di installazione, PXE-based di installazione e distribuzione automatica. È stato progettato come un guscio di alimentazione componente snap-in ed è fornito in bundle con PowerCLI.

NEW ESXi Firewall. ESXi 5, l’interfaccia di gestione è protetta da un firewall service-oriented e apolidi, che è possibile configurare utilizzando il client vSphere o dalla riga di comando con interfacce esxcli. Un motore nuovo firewall elimina l’utilizzo di set di regole iptables e definire regole di porta per ogni servizio. Per gli host remoto, è possibile specificare gli indirizzi IP o un intervallo di indirizzi IP che sono autorizzati ad accedere ad ogni servizio.

NUOVO Supporto migliorato SNMP. ESXi 5 espande il supporto per v.2 con monitoraggio completo per tutto l’hardware sull’host SNMP.

NEW Secure Syslog. ESXi 5.0 aggiunge diversi miglioramenti al sistema di registrazione dei messaggi. Tutti i messaggi di log vengono generati da syslog, e messaggi possono essere registrati su entrambi i locali e / o uno o più server log remoti. Messaggi di log possono essere registrati da remoto utilizzando il Secure Sockets Layer (SSL) o connessioni TCP. Con 5,0 vSphere, i messaggi di log provenienti da fonti diverse possono essere configurati per andare in registri differenti per maggiore comodità. Configurazione di registrazione dei messaggi può essere effettuata anche utilizzando ESXCLI in aggiunta al cliente vSphere.

NEW Gestione centralizzata delle immagini host e configurazione tramite distribuzione automatica. Combinando le caratteristiche dei profili di accoglienza, Image Builder, e PXE, distribuzione automatica VMware vSphere semplifica il compito di gestire l’installazione ESXi e di aggiornamento per centinaia di macchine. Immagini host ESXi sono custoditi presso la biblioteca autodeploy. Nuovi host vengono accantonati in base a regole definite dall’utente. Ricostruzione di un server a una tabula rasa è semplice come un riavvio. Per spostarsi tra le versioni ESXi, si aggiorna una regola utilizzando la funzione Auto PowerCLI Distribuire ed eseguire un test di conformità e il funzionamento di riparazione.

NEW avanzato unificato CLI framework. Un esteso e migliorato esxcli framework offre un ricco set di comandi coerenti ed estensibile, tra cui nuovi comandi per facilitare on-host risoluzione dei problemi e la manutenzione. Il quadro consente di coerenza di autenticazione, ruoli e controllo, utilizzando gli stessi metodi framework di gestione diverse, quali vCenter Server e PowerCLI. È possibile utilizzare il quadro esxcli sia in remoto come parte del CLI vSphere e localmente sulla Shell ESXi (precedentemente modalità supporto tecnico).

Nuovo hardware virtuale. ESXi 5.0 introduce una nuova generazione di hardware virtuale con la versione hardware della macchina virtuale 8, che include le seguenti nuove funzionalità:
• 32-way Virtual SMP. ESXi 5.0 supporta macchine virtuali con fino a 32 CPU virtuali, che consente di eseguire più intensivo della CPU carichi di lavoro sulla piattaforma VMware ESXi.
• 1 TB di RAM macchina virtuale. È possibile assegnare fino a 1 TB di RAM per ESXi 5,0 macchine virtuali.
• Nonhardware grafica 3D accelerata per il supporto di Windows Aero. ESXi 5.0 supporta la grafica 3D per eseguire Windows Aero e Basic di applicazioni 3D all’interno di macchine virtuali.
• supporto per dispositivi USB 3.0. ESXi 5.0 presenta il supporto per dispositivi USB 3.0 in macchine virtuali con sistemi operativi guest Linux. Dispositivi USB 3,0 collegato al computer client che esegue il client vSphere Web o il client vSphere può essere collegato ad una macchina virtuale e accedere al suo interno. USB 3,0 collegato all’host ESXi non sono supportati in questo momento.
• UEFI virtuale del BIOS. Le macchine virtuali in esecuzione su ESXi 5.0 può avviare da e utilizzare l’interfaccia unificata Firmware estesa (UEFI).

Altre funzionalità importanti con ESXi disponibili a partire dal rilascio 4.1:

DC integrazione. Possibilità di configurare l’host per partecipare a un dominio Active Directory, e ogni utente cerca di accedere all’host viene automaticamente autenticato contro la directory centralizzata degli utenti. È anche possibile avere utenti locali definiti e gestiti su un host-by-host base e configurato con il client vSphere, vCLI, o PowerCLI. Questo secondo metodo può essere utilizzato al posto di, o in aggiunta, l’integrazione di Active Directory.

Installazione script. Capacità di fare una installazione script del software ESXi sul disco locale di un server. Diversi metodi di distribuzione sono supportati, tra cui l’avvio del programma di installazione di ESXi da un CD o su PXE, e l’accesso al file di configurazione in rete utilizzando una varietà di protocolli, come ad esempio HTTP sicura. Il file di configurazione può anche specificare i seguenti script da eseguire durante l’installazione:

• pre-install
• post-installazione
• first-boot
Questi script vengono eseguiti in locale sul computer host ESXi, e può eseguire diverse operazioni come la configurazione di rete virtuale dell’host e il join a vCenter Server.

Il boot da supporto SAN per ESXi. Questo supporto include SAN Fibre Channel, oltre che iSCSI e FCoE per gli adattatori di storage certo che sono stati qualificati per questa capacità.

Se sei interessato a questo argomento, puoi compilare il form al seguente link http://www.andreabalboni.com/contatti/index.php .

VPN ADSL Backup Automatico Routing

I servizi offerti dalle connessioni ADSL non riguardano solo Internet e posta elettronica. La diffusione della banda larga e della maggiore qualità di connessione e velocità offerta dagli operatori, permette la realizzazione di connessioni protette private (VPN) tese a connettere la “sede centrale” con le varie sedi remote aziendali.

vpn_adsl_backup_automatico_backup
vpn_adsl_backup_automatico_backup

Queste soluzioni permettono abbattimento di costi strutturali, di consumo e di gestione da parte del settore IT. Il consolidamento porta alla “fondamentale” alta disponibilità dei servizi VPN: il danno provocato nel caso di interruzzione VPN non è più trascurabile.

Lo Studio AB Consulting propone soluzioni ridondate sia di linea che di VPN basate su prodotti open source: Endian Firewall, router software vYatta.
Le soluzioni permettono routing dinamico, calcolo dello “short path” nel caso di VPN e reti a maglia, soluzioni di connessione ridondate.

L’alta disponibilità delle connessioni è addizionata al sistema di “monitoring in tempo reale” avvisando del malfunzionamento di una parte di sistema e mantenendo al tempo stesso i servizi attivi: questo permette la programmazione della manutenzione tesa al ripristino dell’efficienza dovuta.

Configurazioni VPN, ADSL, backup automatico, routing dinamico, se sei interessato ad approfondire puoi compilare il form gratuito che trovi a questo link http://www.andreabalboni.com/contatti/index.php .

CentOS NFS Server – VMWare, XEN, network backup

Questa guida permetterà di attivare sulla propria distribuzione CentOS 32/64bit il servizio di network file system distribuito.

Pre-requisiti.
yum install nfs-utils nfs-utils-lib
Area dedicata a NFS, Es: /storage/NFS

Configurazione e avvio.

chown 65534:65534 /storage/NFS
chmod 755 /storage/NFS
/etc/init.d/nfs start
chkconfig nfs on

nano /etc/exports

/storage/NFS 10.0.0.81(rw,sync,no_subtree_check)
/storage/NFS 10.0.0.82(rw,sync,no_subtree_check)

exportfs -a

Link di approfondimento.
http://www.howtoforge.com/setting-up-an-nfs-server-and-client-on-centos-5.5
http://www.centos.org/docs/5/html/Deployment_Guide-en-US/ch-nfs.html

NOTA.
Se desideri ricevere aiuto o consulenza invia una richiesta gratuita compilando la scheda contatti al seguente link http://www.andreabalboni.com/contatti/ .